BUONA VISIONE A TUTTI E BUON ASCOLTO DI RCR RADIO CENTRO ROSETO.

 

MICHELANGELO IANZITO

Un commerciante di altri tempi

di Antonio Monaco

La sua più grande virtù era la gentilezza. Ogni qualvolta si entrava nella sua bottega,  accoglieva il cliente  con garbo, sempre pronto a servirlo, fosse stato anche per l’acquisto di una caramella. Michelangelo Ianzito, scomparso qualche giorno fa, è stato un’ istituzione nell’ambito delle attività commerciali di Roseto. Per quasi settant’anni ha condotto il suo esercizio di generi alimentari ubicato in piazza Umberto I, là dove fino a qualche anno fa era un brulicare di attività commerciali. Una vita spesa tra casa e bottega, come solo una generazione di commercianti sapeva fare. Michelangelo era un gran lavoratore, legatissimo alla moglie Rosina e al figlio Pasquale, collaboratore della Rcr negli anni Settanta. Insieme alla nuora Maria Rosaria e ai nipoti Michelangelo e Antonio, questo signore di altri tempi ha lasciato un vuoto nella nostra sempre più piccola comunità. Michelangelo Ianzito, per chi ha avuto l’onore di conoscerlo, è stato una figura di primo piano tra i commercianti di Roseto.  Mai uno screzio con i clienti, sempre pronto ad aiutare chiunque ne avesse bisogno. Anche tra i colleghi, Michelangelo era ben voluto. Con loro era solito intrattenersi durante le ore di apertura della bottega, tra un cliente e l’altro. Il suo negozio, piccolo ma sempre ben fornito e di un ordine impeccabile, ha soddisfatto le esigenze di generazioni di persone, dai benestanti ai meno abbienti. Non a caso, il giorno dei suoi funerali, lo hanno pianto non solo i familiari, ma tante persone, tanti clienti, che da lui avevano avuto in cambio non soltanto merci, ma vere e proprie lezioni di stile e di vita.